Vendo Porsche 356

Vendo Porsche 356

Per molti, la Porsche 356 è uno dei modelli più significativi nella ricca storia di questo produttore. Per cominciare, questa è stata la prima vettura prodotta in serie dalla famosa azienda con sede a Stoccarda. Fu anche il modello che divenne popolare tra i guidatori entusiasti su entrambi i lati dello Stagno . Ma soprattutto, ha trasformato Porsche da un piccolo appaltatore in uno dei più grandi nomi del settore. È stato un bel risultato, poiché le prime Porsche 356 sono state realizzate all’interno di un vecchio mulino nella piccola città austriaca di Gmuend. Che ne dici di una storia di successo?

La storia dietro la Porsche 356

La storia della Porsche 356 inizia con il suo predecessore spirituale, il leggendario Bettle. Questa vettura banale e piuttosto antisportiva è stata progettata da Ferdinand Porsche per la nuova casa automobilistica Volkswagen. L’idea principale era quella di creare un veicolo semplice e conveniente per le masse. Da qui il nome Volkswagen, che si traduce in Car for the People . La risultante Volkswagen Tipo 1, in seguito più comunemente nota come Bettle, è diventata uno dei veicoli più influenti di tutti i tempi. Ma sebbene il progetto fosse terminato alla fine degli anni ’30, l’imminente seconda guerra mondiale ne rimandò in modo significativo la produzione di massa.

La Porsche 356 nasce da un’idea del figlio di Fernand, Ferry. Dopo la fine della guerra, utilizzò il Bettle come base per un proprio progetto. Come detto una volta, decise di costruire l’auto da corsa perfetta perché non riusciva a trovarne una. L’idea di base era che la Porsche 356 fosse leggera e poco complessa, il che la renderebbe diversa dalle altre auto sportive dell’epoca . E poiché i materiali erano scarsi nell’Austria del dopoguerra, dove Ferry ha basato la sua attività, avrebbe condiviso molte parti con la Bettle. Tuttavia, questa soluzione tampone si è rivelata una delle ragioni principali della sua futura popolarità.

I look iconici che hanno avuto inizio con la Porsche 356

Alcune cose nell’industria automobilistica sono così iconiche e senza tempo che non hanno bisogno di presentazioni, e la forma di Porsche è una di queste. Per decenni, la maggior parte dei loro veicoli ha condiviso lo stesso linguaggio di design e aveva spunti stilistici simili . Ciò è più evidente con la gamma 911, la cui forma di base è rimasta la stessa per tutte le generazioni. E la Porsche 356 è stata proprio l’auto che ha dato il via a questa tendenza.

A parte la Bettle, il design della Porsche 356 è stato ispirato dai concetti di auto da corsa su cui Ferry e suo padre, Ferdinand, hanno lavorato in precedenza. La Type 64 da corsa e la monoposto Cisitalia Grand Prix sono gli esempi più importanti di questa influenza . Nonostante le differenze negli scopi e nelle configurazioni della trasmissione, è facile vedere la somiglianza tra queste vetture e la 356. Queste auto condividono un design aerodinamico simile a una lacrima, che ha assicurato un’aerodinamica impressionante.

C’erano quattro distinte varianti Porsche 356 realizzate durante diversi periodi della sua produzione. I primi modelli, ora conosciuti come i prototipi, erano costruiti a mano in Austria e avevano pannelli della carrozzeria in alluminio . Le successive auto di fabbricazione tedesca avevano una carrozzeria in acciaio e furono denominate 356 A, 356 B e 356 C. Le differenze tra questi tre modelli sono minori e per lo più estetiche.

Le basi meccaniche della Porsche 356

Date le sue aspirazioni da corsa, la Porsche 356 aveva un motore minuscolo, almeno per dirlo. A seconda del modello e dell’anno di produzione, variavano da soli 1,1 a 2 litri di cilindrata . In effetti, questa vettura aveva lo stesso blocco motore e alcune altre parti del Maggiolino. Tuttavia, le testate dei cilindri e la maggior parte dei componenti legati alla combustione sono stati completamente riprogettati. Con tutte queste modifiche, la potenza erogata variava da 60 cavalli a un massimo di 95 cavalli per il modello 2L in ritardo. Potrebbe non sembrare molto, ma il motore doveva far fronte solo a 1600 libbre, che era quanto pesavano queste Porsche a pieno carico.

Tuttavia, la forma di questo motore, non la sua potenza, è ciò che contava di più con questa vettura. Come il Bettle, questo era un boxer flat-4, con due bancate di cilindri appoggiate l’una contro l’altra . Una configurazione del genere lo rende compatto e in grado di adattarsi a piccoli spazi. Inoltre, un motore come questo è basso, il che abbassa il baricentro e migliora la maneggevolezza. Un’altra caratteristica significativa è che questi motori sono raffreddati ad aria, o Luftgekult, come dicono i tedeschi. Ciò elimina la necessità di radiatori e tubi del liquido di raffreddamento, semplificando la disposizione del vano motore e riducendo il peso.

Come il motore, altri componenti principali, come sospensioni e sterzo, sono stati riprogettati per adattarsi al nuovo ruolo. La corsa era quasi un equilibrio ideale tra comfort e maneggevolezza, rendendo il 356 a suo agio su ogni superficie . Infine, i freni a disco erano affilati pur essendo abbastanza robusti da non sbiadire sotto carico.

Ragioni della popolarità della Porsche 356

Quando fu presentata nel 1948, la Porsche 356 era l’esatto opposto di quasi tutte le auto sportive contemporanee. Leggerezza e semplicità, le sue caratteristiche più importanti, erano in netto contrasto con ciò che altri produttori offrivano all’epoca . In quanto tale, questa piccola vettura agile ha catturato rapidamente l’attenzione dei conducenti che erano alla ricerca di qualcosa di diverso. Inoltre, quando iniziò a vincere in vari eventi di corse, come la vittoria di classe a Le Mans nel 1951, divenne evidente che la Porsche 356 era un punto di svolta. E quando si guarda indietro all’intera situazione, è facile capire perché.

Una cosa che la Porsche 356 ha dimostrato è che, anche quando non è immensamente potente, un’auto può essere veloce e divertente da guidare. Questo è stato, almeno, una volta che il guidatore ha imparato la gestione del suo segno distintivo causato dal motore che si trova nella parte posteriore . Certo, con una potenza limitata al rubinetto, né la velocità massima né l’accelerazione erano vesciche. Ma la Porsche era elettrizzante da guidare su strade tortuose grazie alle sue ampie sospensioni. E quella trasmissione montata posteriormente che preme sulle ruote sottostanti assicurava una trazione eccezionale in condizioni scivolose.

Si è anche rivelata una macchina affidabile che potrebbe subire molti abusi. E anche quando si rompeva, ripararlo era solitamente poco costoso, poiché condivideva molti dei suoi componenti con il Bettle. Poiché gli acquirenti alla fine hanno riconosciuto questi valori, più di 75.000 Porsche 356 furono vendute entro la fine della sua produzione nel 1965. Un grande successo per un’auto il cui obiettivo di produzione originale era di circa 500 unità all’anno.

L’eredità della Porsche 356

Ci sono due aspetti principali da considerare quando si stabilisce come Porsche 356 abbia influenzato il mondo automobilistico. In primo luogo, c’è il suo significato per il produttore stesso . Prima di mettere in produzione questa vettura sportiva, Porsche era, in sostanza, un ufficio di ingegneria che progettava principalmente veicoli per clienti esterni. A quel tempo, i loro impianti di produzione erano limitati a un’officina improvvisata, dove furono prodotte le prime 50 Porsche 356. Con la sua popolarità tra i piloti e la competitività in pista, questa vettura alla fine è diventata un successo di vendita. Oltre a migliorare la presenza dell’azienda e la stabilità finanziaria, questo ha anche dimostrato che un’auto sportiva leggera con un motore nella parte posteriore era un concetto praticabile. Era logico utilizzare la stessa ricetta di base quando si progettava il suo successore, la prima di molte 911 auto. E questa è una leggenda che non ha bisogno di presentazioni.

Ma la Porsche 356 ha anche dimostrato come un’auto leggera e ben costruita potrebbe andare a stretto contatto con controparti molto più potenti . L’impatto sull’industria automobilistica è stato significativo in quanto ha di conseguenza aperto la strada a vari modelli simili. Se non fosse stato per la Porsche 356, auto come Mini Cooper o Lotus potrebbero non essere nemmeno esistite. Inoltre, il suo utilizzo di successo dell’auto con motore posteriore per applicazioni da corsa ha indotto altri produttori a rivalutare i layout nei loro modelli ad alte prestazioni. Indubbiamente, questo ha contribuito a innescare la transizione verso le configurazioni del motore centrale in queste auto.

La conclusione sulla Porsche 356

Come mostrato in questo articolo, la Porsche 356 è stata concepita da Ferry Porsche come l’auto da corsa perfetta. L’idea iniziale era che avrebbe venduto quel tanto che bastava per finanziare altri progetti di veicoli imminenti. Tuttavia, questa vettura sportiva leggera e agile divenne presto molto popolare, cambiando di conseguenza il volto del mondo automobilistico.

Notiziario